ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Uno bianca: Zecchi, 'uccidevano per il gusto di uccidere'

Di ANSA
Cerimonia nel Bolognese a 33 anni omicidio Beccari
Cerimonia nel Bolognese a 33 anni omicidio Beccari
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BOLOGNA, 19 FEB – “Uccidevano per il gusto di
uccidere anche quando non importava, so che la Chiesa imporrebbe
di perdonare, ma io non ce la faccio”. Con queste parole la
presidente dell’associazione familiari delle vittime della Uno
Bianca, Rosanna Zecchi, è tornata a ribadire la propria
posizione sui componenti della banda e in particolare su Fabio
Savi, che ha recentemente inviato una lettera al Resto del
Carlino in cui ha scritto di non avere presentato le proprie
scuse per i fatti di sangue per rispetto delle persone uccise. Zecchi ha parlato questa mattina in occasione della cerimonia
con cui, davanti al supermercato Coop di Casalecchio di Reno,
nel Bolognese, è stato commemorato il 33/o anniversario
dell’omicidio della guardia giurata Carlo Beccari, colpito a
morte il 19 febbraio 1988 durante una rapina a un portavalori,
mentre cercava di proteggere alcuni colleghi dell’istituto La
Patria, che restarono feriti. “Un comportamento da eroe – ha detto il sindaco di
Casalecchio Massimo Bosso – come sancito dalla Medaglia d’Oro al
Merito Civile che gli è stata conferita dalla Presidenza della
Repubblica”. L’anziano padre di Beccari non ha potuto essere
presente alla cerimonia perché malato e la figlia, che all’epoca
dell’omicidio aveva tre anni, oggi vive in Puglia ed è stata
tenuta lontana dalle restrizioni agli spostamenti per il Covid. “Cerco di essere sempre presente io – ha detto ancora Zecchi
- penso sia doveroso ricordare le nostre vittime, perché
qualsiasi persona morta per mano di questi assassini per me è un
eroe, anche se non gli hanno dato la medaglia.” Zecchi non ha
voluto rispondere alla lettera di Fabio Savi: “La mia paura è
che lui dialogando con noi punti ad avere permessi premio, ma io
con gli assassini non dialogo. Per me deve rimanere in carcere e
se ha un po’ di dignità deve stare zitto”. Riguardo la ex
compagna di Savi Eva Mikula, che ha appena pubblicato un libro
autobiografico, Zecchi dice: “E’ stata zitta 30 anni, poteva
parlare prima, a me non la dà ad intendere che lei è una
vittima”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.