ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Sequestrato "Albergo delle Fate",icona della Sila a rischio

Di ANSA
Sindaco Taverna, "salviamo bene monumentale, ora in abbandono"
Sindaco Taverna, "salviamo bene monumentale, ora in abbandono"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – TAVERNA, 22 FEB – E’ stato sequestrato il “Grande
albergo Parco delle Fate di Villaggio Mancuso”, località
turistica della Sila Catanzarese da anni in disarmo. Il
provvedimento cautelare preventivo è stato eseguito dai
carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Cosenza si
disposizione del gip del Tribunale di Catanzaro, Alfredo
Ferraro. La struttura, realizzata in legno nei primi decenni del
secolo scorso è conosciuto come uno dei luoghi iconici più
celebrati del turismo montano calabrese del secondo dopoguerra.
La custodia giudiziale dell’immobile è stata affidata al
responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Taverna, Marco
Borello. “Sulla scia della decisione del giudice – ha dichiarato
all’ANSA il sindaco di Taverna Sebastiano Tarantino – riteniamo
sia opportuno lanciare adesso un appello alle istituzioni e agli
enti che possono concorrere a garantire la salvaguardia di un
bene monumentale di così grande importanza storica e culturale.
Alla Regione Calabria, alla Provincia di Catanzaro e alla
Soprintendenza chiediamo di avviare un percorso di recupero
dell’immobile che allo stato si rischia di perdere. E’ stato
accertato, infatti, che allo stato attuale la struttura è una
fonte di pericolo sia per l’edificio in quanto tale, sia per
l’incolumità pubblica. E’ arrivato il momento – ha aggiunto
Tarantino – di ragionare seriamente sul futuro di quest’opera e
sulla sua valenza storica e culturale”. I timori su possibili eventi negativi di natura non solo
accidentale, non mancano. Esattamente un anno fa, infatti, il
tetto dell’edificio venne interessato da un principio d’incendio
poi domato grazie all’intervento tempestivo di alcuni cittadini
e dei vigili del fuoco. Il Grande Albergo delle Fate pensato e realizzato negli anni
Trenta del secolo scorso dall’imprenditore catanzarese, Eugenio
Mancuso, prima di finire nella triste condizione in cui si trova
da qualche anno, conobbe stagioni di grande interesse anche con
la presenza di star del cinema e dello spettacolo del calibro di
Sophia Loren, Silvana Mangano, Amedeo Nazzari, Vittorio Gassman,
Giovanna Ralli, Gigi Proietti e Oreste Lionello. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.