ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Omicidio Tassitani, tre lettere riaprono il caso

Fusaro sarebbe solo esecutore materiale delitto del 2007
Fusaro sarebbe solo esecutore materiale delitto del 2007
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – VENEZIA, 19 FEB – Michele Fusaro, il falegname di
Bassano condannato per l’omicidio di Jole Tassitani, la figlia
del notaio Luigi che venne sequestrata e uccisa nel dicembre del
2007 a Castelfranco sarebbe solo l’esecutore materiale del
delitto. E’ quanto sostengono tre lettere, come riporta il
Corriere del Veneto, che sono state recapitate nel febbraio
dello scorso anno, quindi a oltre 10 anni dal delitto, al padre
della vittima, alla sorella maggiore e al legale della famiglia,
l’avvocato Roberto Quintavalle. Proprio il legale aveva sempre sostenuto che “il punto più
oscuro della vicenda è proprio la mancata scoperta dei
complici”. Difficile immaginare che il cadavere della
professionista possa essere stato fatto a pezzi e infilato in
sacchi di plastica da una sola persona. Fusaro è stato
condannato a 30 anni di cui 13 già scontati. Tutte e tre le
lettere contengono il nome di un uomo indicato come “Complice e
mandante” e definito con parole sprezzanti “zingaro, slavo di
etnia sinti). Il nome è quello di una persona ben conosciuta in
città. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.