ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Inchiesta pm Aosta: appello, indagine da dichiarazioni false

Sentenza assoluzione Lomgarini, 'scarsa credibilità operanti'
Sentenza assoluzione Lomgarini, 'scarsa credibilità operanti'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – AOSTA, 05 FEB – La decisione di assolvere l’ex
procuratore capo facente funzioni di Aosta, Pasquale Longarini,
ora giudice civile a Imperia, non è “stata assunta con
riferimento” alle argomentazioni della sua difesa, “ma neppure
prendendo a base i rilievi degli operanti, la credibilità dei
quali, come risulta da quanto motivatamente si è argomentato, è
alquanto scarsa”. Lo scrive la seconda sezione penale della
Corte d’Appello di Milano nelle motivazioni della sentenza con
cui il 5 novembre 2020 ha confermato l’assoluzione “perché il
fatto non sussiste” di Longarini, che era accusato di induzione
indebita a dare e promettere utilità, rivelazione di segreto
d’ufficio e favoreggiamento, nell’ambito di un procedimento per
il quale il 30 gennaio 2017 era finito ai domiciliari. Assolti
con lui anche il grossista alimentare Gerardo Cuomo e
l’albergatore Sergio Barathier. “Basterà ricordare qui”, scrivono i giudici, “che il presente
procedimento è stato originato da quanto è stato riferito,
contrariamente al vero”, da un investigatore a un inquirente, “e
cioè che Longarini aveva chiamato personalmente Barathier
invitandolo a scegliere come fornitore dell’Hotel Royal & Golf
Cuomo, per poi precisare che Barathier era indagato da
Longarini”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.