ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Guide turistiche, presidio di protesta al MANN

'Ristori inadeguati, esclusi in tanti'
'Ristori inadeguati, esclusi in tanti'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – NAPOLI, 23 GEN – La guide turistiche della Campania
hanno manifestato stamattina davanti al Museo Archeologico
Nazionale di Napoli per chiedere al Governo ristori adeguati e
comprensivi dell’ intera categoria. Senza lavoro da oltre un
anno, ed ora condizionati da una riapertura di Musei e luoghi d’
arte che esclude i fine settimana, guide ed accompagnatori
turistici (25 mila circa in Italia, oltre 2 mila in Campania)
definiscono “totalmente insufficienti” gli interventi di
sostegno predisposti dal Governo. “Solo 6090 di noi – ha detto ai giornalisti Maria Caiazzo, di
Uiltucs Campania – hanno beneficiato del ristoro di 7 mila euro
del Ministero per i Beni culturali, Il 75% della categoria ne è
rimasto escluso. “La somma, già insufficiente – aggiunge la
guida turistica- è stata raggiunta solo perchè in tanti non
hanno potuto beneficiarne per mancanza dei requisiti richiesti.
Diversamente sarebbe stata anche inferiore”. I ristori predisposti dal MIbact sono stati destinati solo ai
liberi professionisti titolari di partita IVA iscritti alla
Camera di Commercio, e ai titolari di partita IVA iscritti alla
gestione separata INPS, escludendo le società di guide
turistiche, le cooperative, le associazioni professionali e
culturali, i lavoratori stagionali ed i prestatori d’ opera
occasionali. “E’ evidente che siamo lavoratori del settore turistico – ha
detto Karim Benassib, altro esponente della Uiltucs e che gli
stagionali tra noi sono numerosi”. “Il ministero ha speso 460 mila euro per le divise dei
custodi del Colosseo, che è chiuso – aggiunge Benassib – mentre
discrimina i lavoratori del turismo”. Contestata anche la
tassazione del 45% imposta sulle casse integrazione in deroga.
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.