ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coletto, cominciamo a pensare di vaccinare ragazzi

Di ANSA
Per assessore Umbria "vettore innocente della pandemia"
Per assessore Umbria "vettore innocente della pandemia"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – PERUGIA, 18 FEB – “Per arginare la diffusione del
Covid si valuti anche da un punto di vista scientifico la
possibilità di vaccinare i ragazzi in età scolare, penso alla
fascia 13-20 anni”: è la proposta che avanza Luca Coletto,
assessore alla Sanità della Regione Umbria. “Spessissimo sono
loro il vettore innocente della pandemia” ha aggiunto parlando
con l’ANSA. “Dopo avere immunizzato medici, anziani e le altre
categorie previste nella fase iniziale del Piano vaccinale
bisogna porsi il problema delle scuole”, ha affermato Coletto. “I ragazzi in età scolastica – ha aggiunto l’assessore – non
possono continuare a essere isolati. Loro si muovono e i più
piccoli non possono restare soli. Bisogna proteggerli con un
vaccino su misura ed è opportuno che Istituto superiore di
sanità e Agenzia del farmaco comincino a porsi la questione da
un punto di vista scientifico”. Coletto ha sottolineato che i ragazzi infettati dal Covid
“sono nella maggior parte dei casi asintomatici o
pauci-sintomatici”. “Inconsapevolmente – ha aggiunto – possono
quindi diventare diffusori del virus. Dei vettori innocenti”. “E’ uno dei problemi da porsi – ha sottolineato ancora
l’assessore – anche per i riflessi socio-economici che tutto
questo ha. La diffusione del contagio si riflette poi
inevitabilmente in maniera lineare sui ricoveri e
sull’occupazione delle terapie intensive da parte di
appartenenti a tutte le altre fasce della popolazione”. “Le scuole chiuse sono uno dei problemi più grandi del Paese -
ha detto ancora Coletto – e concordo con il presidente Mario
Draghi sulla necessità di riaprirle. Ma bisogna trovare la
soluzione per questi ragazzi”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.