ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Camionista scomparso: ucciso con 'mazzetta', corpo in fiume

Ipotesi debito per stupefacenti
Ipotesi debito per stupefacenti
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 11 FEB – E’ stato ucciso “con pugni, calci e
con l’utilizzo di uno strumento da muratore comunemente
denominato mazzetta” Filippo Incarbone, il muratore scomparso da
Vigevano (Pavia) dall’inizio di gennaio. Lo si legge nel
provvedimento di fermo a carico dei due indagati ora in carcere
che poi ne avrebbero buttato il corpo nel fiume Ticino. Sono infatti in corso da questa mattina nel tratto del fiume
Ticino a Vigevano (Pavia) le ricerche del corpo La scorsa notte
i carabinieri hanno sottoposto a fermo due uomini residenti
nella città ducale, uno di 43 e l’altro di 31 anni, indiziati
per l’omicidio di Incarbone e la distruzione di cadavere. Un omicidio che, secondo quanto emerso dalle indagini dei
carabinieri di Vigevano, coordinati dal pm Paolo Mazza e dal
procuratore Mario Venditti, sarebbe legato a un “debito
verosimilmente riconducibile all’acquisto di stupefacenti” e
alla vicenda di un incidente stradale, causato da uno dei due
fermati, ma che la vittima era stata costretta a denunciare,
fingendo di essere il conducente al posto suo. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.