ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Camionista scomparso, due uomini fermati per omicidio

Accusati anche di distruzione cadavere. Sparito oltre un mese fa
Accusati anche di distruzione cadavere. Sparito oltre un mese fa
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – PAVIA, 11 FEB – Improvvisa svolta per il caso della
scomparsa di Filippo Incarbone, 48 anni, l’autista di camion
residente a Vigevano (Pavia) scomparso da poco più di un mese.
La scorsa notte i carabinieri hanno sottoposto a fermo due
uomini, indiziati per l’omicidio di Incarbone e la distruzione
del suo cadavere: si tratta di un 43enne e di un 31enne,
entrambi di Vigevano e con diversi precedenti penali. Incarbone, che viveva da solo a Vigevano, è stato visto per
l’ultima volta il 27 dicembre scorso quando è andato a trovare
il fratello che abita a Gambolò (Pavia). Il 3 gennaio ha poi
inviato un messaggio di auguri per il nuovo anno alla cognata.
Da quel momento si sono perse le sue tracce. Qualche giorno dopo i vicini di casa hanno avvertito i
soccorsi perché il cagnolino dell’uomo abbaiava
ininterrottamente da 24 ore. I soccorritori sono entrati
nell’appartamento di Incarbone e hanno salvato l’animale, ma il
padrone non c’era. Da quel momento sono scattate le ricerche. Il
caso è stato anche seguito dal programma televisivo “Chi l’ha
visto?” su Raitre. Secondo quanto è emerso dalle indagini dei carabinieri,
l’omicidio di Incarbone sarebbe legato a una questione di soldi.
Le due persone sottoposte a fermo verranno oggi interrogate dal
sostituto procuratore Paolo Mazza, che conduce l’inchiesta.
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.