ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Scoperto presunto ladro reliquia Giovanni Paolo II

Denunciato da carabinieri ma oggetto sacro non ancora recuperato
Denunciato da carabinieri ma oggetto sacro non ancora recuperato
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – SPOLETO (PERUGIA), 13 NOV – Individuato dai
carabinieri il presunto responsabile del furto della reliquia di
Papa Giovanni Paolo II, sottratta il 23 settembre scorso nel
Duomo di Spoleto. Si tratta di un cinquantanovenne residente
nella cittadina toscana di Figline Valdarno, già protagonista in
passato – riferiscono gli investigatori – di furti di beni di
natura ecclesiastica avvenuti nella zona. Furto aggravato
l’ipotesi di reato che gli è stata contestata. La reliquia non è
stata ritrovata, perché – ritengono i carabinieri -
verosimilmente già consegnata a ricettatori o collezionisti di
genere. L’indagine è condotta dai carabinieri della compagnia di
Spoleto insieme a quelli del Nucleo per la tutela del patrimonio
culturale di Perugia, coordinati dalla procura spoletina. Le autorità ecclesiastiche hanno rivolto un accorato appello
per la restituzione della reliquia, il cui valore è
“esclusivamente devozionale” essendo di recente produzione. Gli
investigatori sono quindi convinti che il reliquiario sia finito
nelle mani di un rigattiere o, ipotesi ritenuta ancor più
plausibile, ceduto a un collezionista attratto dalla figura del
Santo Pontefice, visto che quest’anno ricorre il centenario
della sua nascita. I carabinieri non escludono comunque ulteriori sviluppi
legati agli accertamenti in corso sulla catena di contatti e
spostamenti dall’indagato nei giorni immediatamente successivi
al furto. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.