ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Medico positivo, va sconfitto anche virus ignoranza

Sfogo responsabile Rianimazione Vercelli, rispettate chi vi cura
Sfogo responsabile Rianimazione Vercelli, rispettate chi vi cura
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – VERCELLI, 09 NOV – “Non c‘è tempo per l’ignoranza
di chi nega, di chi protesta in piazza perché non vuole portare
una mascherina. Non è solo il Coronavirus che dobbiamo
sconfiggere, ma anche il virus dell’ignoranza e della non
curanza: smettetela di credervi forti, onnipotenti, convinti che
a voi non possa toccare”. E’ lo sfogo, riportato sulla pagina
Facebook dell’Asl di Vercelli, di Giuseppe Barbarello,
responsabile di Rianimazione dell’ospedale Sant’Andrea, a casa
perché positivo al Covid. “La gente non canta più sui balconi e fa bene – prosegue il
medico e anestesista -; dal canto nostro, invece, noi non
abbiamo più voglia di raccontarvi storie. Siamo stanchi, e
l’unica storia vera è quella di chi ogni giorno lavora come un
matto per curarvi, si chiude dentro una tuta che ti fa sembrare
un astronauta e spera che non tocchi a lui. Abbiate rispetto per
chi vi cura e soprattutto abbiate rispetto per voi stessi”. “Sono sconfortato e scoraggiato, ma soprattutto sono
arrabbiato perché mi sono dovuto fermare – conclude il medico -:
questo virus, nonostante tutti gli accorgimenti e le misure di
sicurezza, spesso non ti lascia il tempo e ti assale con tutta
la sua forza. E così mi ritrovo a casa, assalito dal senso di
colpa per aver coinvolto anche i miei familiari in una partita
che non avrebbero mai voluto giocare”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.