ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Anef Alto Adige, funivie con dpi come bus

"Con stop impianti si fermerebbe economia nei paesi di montagna"
"Con stop impianti si fermerebbe economia nei paesi di montagna"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BOLZANO, 25 OTT – “Gli impianti di risalita vanno
parificati al il trasporto pubblico locale. La loro chiusura
rappresenterebbe un duro colpo per molte zone di montagna, che
sopravvivono solo grazie al turismo e non hanno altri introiti.
Se chiudono gli impianti, chiudono anche gli alberghi e
l’economia in questi paesi si ferma”. Lo afferma il
vicepresidente di Anef (Associazione degli imprenditori
funiviari) Alto Adige, Elmar Pichler Rolle, che auspica una
regolamentazione unitaria delle regioni del nord Italia. In Alto
Adige, per il momento, continueranno gli allenamenti delle
squadre agonistiche. Gli impiantisti sono fiduciosi che
l’imminente decreto del governatore Arno Kompatscher confermerà
questa linea. “Le sciovie e seggiovie non rappresentano nessun problema
perché sono all’aria aperta. Nelle cabinovie e seggiovie il
distanziamento, come anche sugli autobus, ovviamente non può
essere garantito, ma vige l’assoluto obbligo di mascherina e i
tempi di percorrenza sono brevissimi, ben sotto i dieci minuti”,
prosegue Pichler Rolle. “La seconda ondata di contagi di certo non può essere
attribuita ai centri sciistici perché erano ancora chiusi. Lo
sci è uno sport all’aria aperta, che non può essere trattato
allo stesso modo di palestre e piscine”, aggiunge il
vicepresidente dell’Associazione Nazionale Esercenti Funivari
Alto Adige. In merito alle foto delle code davanti ad alcuni
impianti di risalita in Italia, Pichler Rolle commenta, che “con
un distanziamento di un metro la coda arriverebbe al prossimo
paese, per questo motivo la mascherina è obbligatoria”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.