ULTIM'ORA
This content is not available in your region

4 novembre: messaggio direttore Usr Marche scatena polemiche

'Chiamata alle armi' più che commemorazione caduti
'Chiamata alle armi' più che commemorazione caduti
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ANCONA, 05 NOV – E’ bufera nelle Marche sul
messaggio agli studenti del direttore dell’Ufficio Scolastico
regionale Marco Ugo Filisetti per il 4 novembre, Giornata
dell’Unità Nazionale e delle Forze armate. Una chiamata alle
armi, più che un omaggio ai caduti della Grande Guerra. “Una
gioventù che andò al fronte e là vi rimase – scrive -. Una
gioventù lontana dai prudenti, dai pavidi, coloro che scendono
in strada a cose fatte per dire: ‘Io c’ero’”. Poi una citazione
di Gentile e infine “per questo ricordando i loro nomi sentiamo
rispondere, come nelle trincee all’appello serale del
comandante: presente (tutto maiuscolo, ndr)”. L’ex segretario
della Fim Cisl Marco Bentivogli ha girato il messaggio al
ministro Azzolina. Il Garante dei diritti delle Marche Andrea
Nobili suggerisce a Filisetti la lettura di “Un anno
sull’altipiano” di Emilio Lussu, “per non dimenticare l’idiozia
e la brutalità della guerra. A questi ragazzi va il nostro
ricordo e la nostra gratitudine”. Critiche dall’Anpi, mentre
l’on. Fratoianni (Leu), annuncia un’interrogazione parlamentare.
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.