EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Tesei, da Papa attenzione a messaggio francescano

"Profonda gratitudine" da presidente Regione Umbria
"Profonda gratitudine" da presidente Regione Umbria
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PERUGIA, 03 OTT - "E' con grande piacere, e profonda gratitudine per la sua visita, che accogliamo in Umbria il Santo Padre. Papa Bergoglio torna ad Assisi e lo fa alla vigilia della ricorrenza di San Francesco, lanciando così, ancora una volta, un messaggio di grande attenzione allo spirito francescano, nella direzione di umiltà e rispetto del 'creato'": è quanto afferma la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, in occasione della visita di Papa Francesco ad Assisi. "In questo luogo riconosciuto ovunque come luogo di Pace - ha proseguito -, il Santo Padre firma la sua terza Enciclica, 'Fratelli tutti', riprendendo gli insegnamenti che Francesco ha donato al mondo". "Una Enciclica di grande importanza - ha sottolineato Tesei - che viene considerata la summa di sette anni di papato. Già nelle sue udienze Papa Bergoglio ha più volte sottolineato la necessità di perseguire il bene comune attraverso la sussidarietà e la partecipazione di tutti, il bisogno di mettere in campo un forte spirito di servizio per uscire dalla crisi attuale e per guarire della malattie interpersonali e sociali. Nella nostra regione viene dunque rinnovato e sigillato un invito universale alla fratellanza, che va oltre i singoli credo religiosi, e che vuole indicare la strada da percorrere verso un mondo post-pandemia". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come l'intelligenza artificiale viene utilizzata per istruzione, arte e veicoli autonomi in Qatar

Le notizie del giorno | 24 luglio - Pomeridiane

Gaza, incontro a tre sul post-guerra: mancano i diretti interessati