EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Migranti: Sardine sostengono progetto per nuova barca ResQ

Santori, indignazione non basta, non si può stare a guardare
Santori, indignazione non basta, non si può stare a guardare
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 28 SET - Le Sardine sosterranno il progetto di ResQ-People Saving People per mettere in mare la seconda nave italiana per il soccorso umanitario. L'annuncio a pochi giorni dall'inizio della campagna di crowdfunding, che sarà lanciata il prossimo 3 ottobre, per rendere concreto il progetto di cui è presidente onorario Gherardo Colombo. E' quanto hanno reso noto Mattia Santori e Giulia Trappoloni, due dei fondatori del movimento, in una nota: "C'è chi impacchetta la porta di Lampedusa - ha detto Santori -, così come chi dà alle fiamme il campo di Moria a Lesbo, chi insulta Carola Rackete, chi accoglie gli sbarchi con manifestazioni di sdegno e chi firma i decreti sicurezza: non è più tempo di stare a guardare, l'indignazione non basta. Per questo dopo aver sostenuto la raccolta fondi di Mediterranea, sosterremo una nuova avventura, perché non vogliamo abituarci a chi muore di fronte alle nostre coste". "È un grande piacere poter contare sull'appoggio di un movimento tanto significativo e importante nella società civile italiana come le Sardine - ha commentato Luciano Scalettari, presidente di ResQ-People Saving People - È un onore annoverarle tra gli Amici di ResQ (come chiamiamo tutte le realtà che hanno deciso di affiancarsi a noi in questa impresa). Abbiamo la comune convinzione che nessun essere umano possa essere lasciato affogare in mare". "Le Sardine e ResQ hanno molte cose in comune ha aggiunto Giulia Trappoloni -, sono l'esempio della società civile che si organizza e rende possibile un cambiamento là dove le istituzioni non riescono ancora ad arrivare. Stiamo dalla parte di ResQ, e di tutte le altre organizzazioni civili e associazioni che si occupano di salvataggio in mare, stiamo dalla parte di chi tende una mano verso chi ha bisogno, facendo un vero e proprio atto politico. Facendo una scelta". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia: sparatoria in Daghestan, sei agenti di polizia russi uccisi

La notte di mezza estate: origine, adattamento cristiano e celebrazioni in tutto il mondo

Grecia: gli esperti mettono in guardia i turisti dai rischi delle ondate di calore