Covid: Zaia, questione scuola l'ho posta io

Era contributo discussione, non c'entrava con Dpcm
Era contributo discussione, non c'entrava con Dpcm
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VENEZIA, 13 OTT - "Sveliamo un piccolo segreto: la questione della didattica a distanza per le scuole l'ho posta io: Ma era un po' un fuori tema, non era in discussione nel Dopm". Lo ha detto il governatore Luca Zaia, spiegando che la sua proposta, limitata alle classi degli ultimi 2-3 anni delle superiori, rispondeva al problema dell'affollamento dei trasporti pubblici. In Veneto, ha ricordato, ci sono 707.000 giovani che ogni giorno vanno a scuola con i mezzi pubblici. "Se pensassimo alla didattica a distanza per le ultime 2-3 classi, delle superiori, magari in alternanza, un giorno sì e 2 no, una settimana sì e 3 no, verrebbe tolta tanta pressione sui trasporti". "Leggo - ha concluso - che la ministra Azzolina dice 'non se ne parla',. Ok, vedremo, se magari le cose dovessero peggiorare, sperando non ci si ritrovi a chiudere le scuole". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: i russi vogliono conquistare Chasiv Yar entro il 9 maggio

Gli eurodeputati chiedono di sequestrare i beni russi congelati

Difesa: Rishi Sunak annuncia piano aumento spesa al 2,5 per cento del Pil