Covid: appello sindaci isola Capri, riaprire le scuole

Lettera a presidente De Luca: non c'è rischio di assembramenti
Lettera a presidente De Luca: non c'è rischio di assembramenti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 18 OTT - Sull'isola di Capri si può consentire la didattica in presenza perché gli studenti non hanno bisogno di utilizzare i mezzi pubblici per raggiungere gli istituti scolastici, quindi senza alcun rischio di assembramento e di conseguente contagio da Covid. E' quanto scrivono in una lettera indirizzata al presidente della Campania, Vincenzo De Luca, all'assessore Regionale all'Istruzione, Lucia Fortini, e al presidente ANCI Campania, Carlo Marino, i sindaci di Capri ed Anacapri, Marino Lembo e Alessandro Scoppa. La maggior parte dell'isola è infatti pedonale, osservano i due sindaci. L'appello dei due sindaci si chiude con la richiesta di integrare la precedente ordinanza regionale del 16 ottobre, consentendo così l'attività in presenza, oltre che per le scuole dell'infanzia, già autorizzate, anche per le scuole primarie e le scuole secondarie di I e II grado. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito, legge sui migranti: i richiedenti asilo saranno deportati in Ruanda

Italia, Senato vota su gruppi pro vita nei consultori: polemiche su aborto in decreto Pnrr

Ungheria, l'opposizione: "Orbán spende i soldi pubblici in campagne di diffamazione"