EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Scuola, a Torino lezioni anche in parrocchia

Accordo tra Comune, Arcidiocesi e Ufficio Scolastico Regionale
Accordo tra Comune, Arcidiocesi e Ufficio Scolastico Regionale
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 03 SET - Parrocchie e di enti religiosi a disposizione delle scuole torinesi per consentire lo svolgimento della didattica rispettando le norme di sicurezza anti Covid19. È stato siglato oggi un protocollo d'intesa fra Città e Arcidiocesi di Torino e Ufficio Scolastico Regionale (Usr) che ha lo scopo di venire incontro alle esigenze di spazio delle scuole, non solo all'avvio dell'anno scolastico ma anche nei mesi a venire. Al momento sono cinque le scuole - tre elementari e due Cpia -, che hanno chiesto di avere spazi esterni per fare lezione. "Essere arrivati a 5 istituti soltanto che richiedono spazi esterni - sottolinea la sindaca Chiara Appendino - è frutto di questi mesi di lavoro. Poter tornare nella propria scuola è diverso dall'usare spazi alternativi e questo è stato possibile perché siamo riusciti a fare velocemente degli interventi all'interno delle scuole. L'apertura della scuola - ribadisce -, il riappropriarsi degli spazi della comunità scolastica, è stata, è e sarà una priorità ed è una sfida che vede tutti gli attori coinvolti". Per il direttore dell'Usr Fabrizio Manca, "avere la serenità di una disponibilità come quella della Diocesi per far fronte a eventuali situazioni che si dovessero verificare nel corso dell'anno, è molto importante", mentre l'assessora Antonietta Di Martino sottolinea che "con questo protocollo si avrà a disposizione uno strumento in più a garanzia della frequenza in presenza, coniugando diritto allo studio e alla salute". "Come chiesa - commenta l'arcivescovo, monsignor Cesare Nosiglia - sentiamo forte il dovere di venire incontro agli studenti, alle loro famiglie e a tutto il sistema scolastico. Abbiamo vissuto insieme un periodo difficile, che non è ancora terminato, ma abbiamo imparato a collaborare con animo aperto e disponibile". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

India, al via la decima edizione dell'International Yoga Day

In Belgio le lavoratrici del sesso potranno avere un contratto di lavoro

La Corea del Sud convoca l'ambasciatore della Russia: "Negativo" il patto di difesa tra Putin e Kim