Bimba 1 anno mezzo uccisa a Cagliari, 20 anni ai genitori

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Cagliari, inflitti 6 anni e 8 mesi ma concessi i domiciliari
Cagliari, inflitti 6 anni e 8 mesi ma concessi i domiciliari

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">CAGLIARI</span>, 15 <span class="caps">SET</span> – Si è chiuso con una condanna a 20<br /> anni il processo con rito abbreviato ai due coniugi trentenni,<br /> Dragana Ahmetovic e Slavko Seferovic, accusati dell’omicidio<br /> volontario della figlia Esperanza, di 20 mesi, svanita nel nulla<br /> nel dicembre del 2017 dalla roulotte dei genitori, trovata<br /> incediata alla periferia di Cagliari. Difesi dagli avvocati<br /> Federico Delitala e Michele Satta, i due giovani nomadi hanno<br /> ottenuto dal Gup del Tribunale di Cagliari, Giampaolo Casula, le<br /> attenuanti generiche che hanno ridotto la condanna rispetto ai<br /> 30 anni chiesti dal pm Guido Pani.<br /> La piccola era scomparsa a ridosso del Natale 2017, quando era<br /> stato incendiato il furgone dove viveva la famiglia. Il pm, dopo<br /> molte versioni contrastanti e ritrattazioni fornite dalla<br /> coppia, si era convinto che la bimba fosse stata uccisa intorno<br /> al 5 dicembre, soffocata o impiccata. Il corpo non è mai stato<br /> trovato: ai genitori è stato così stato contestato anche<br /> l’occultamento di cadavere, la simulazione di reato e il rogo<br /> doloso del mezzo. Sia durante le indagini preliminari sulla<br /> scomparsa che in seguito dal carcere, la coppia – che ha<br /> cambiato diversi avvocati – ha dato versioni differenti. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.