ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Operatrice Save The Children,un boato e tutto giù

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Il racconto della 26enne, 'in strada persone a terra ovunque'
Il racconto della 26enne, 'in strada persone a terra ovunque'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 05 AGO – Attimi di normalità spazzati via in
un momento. Il rumore, ‘come fosse un terremoto’, poi
l’esplosione, le urla dei cinque nipoti che stavano giocando sul
balcone e la porta di casa che vola letteralmente via. E’ il
racconto di un’operatrice di Save the Children dei terribili
istanti ieri delle due devastanti deflagrazioni a Beirut. “Avevo appena lasciato l’ufficio, sono tornata a casa e pensavo
alle tante cose che ancora avevo da fare. I miei cinque nipoti
stavano giocando sul balcone come in un giorno qualsiasi. Poi ho
sentito un rumore, un boato, come se fosse un terremoto. Eravamo
terrorizzati, i bambini urlavano, mia sorella voleva scappare ma
la porta di casa è letteralmente volata via”, dice Nour Wahid,
una 26enne che da cinque anni lavora in Save the Children e si
occupa soprattutto delle attività di sostegno ai bambini siriani
rifugiati nel Paese.
“Sentivamo la gente urlare, sentivamo grida venire da lontano.
Poi è arrivata la seconda esplosione, quella devastante. E’
venuto giù tutto, le finestre si frantumavano, attorno a noi
edifici completamente distrutti. Per strada tantissime persone
stese a terra, feriti. Grida e spavento ovunque. Anche la nostra
casa è stata fortemente danneggiata e ora neanche noi sappiamo
dove andare”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.