ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus: registrazione arrivi in Sardegna sino al 7/9

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Confermata programmazione e 100% posti a sedere su bus e treni
Confermata programmazione e 100% posti a sedere su bus e treni
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – CAGLIARI, 10 AGO – Prorogato fino al 7 settembre
l’obbligo di registrazione per chi arriva in Sardegna con nave o
aereo. Lo ha deciso con ordinanza il governatore Christian
Solinas considerando “l’evolversi della situazione
epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo
dell’epidemia e l’andamento dei casi sul resto del territorio
nazionale”. La registrazionedeve avvenire prima dell’imbarco
utilizzando l’apposito modello da compilare ed inviare
esclusivamente per via telematica allo sportello unico dei
servizi della Regione o tramite l’applicazione “Sardegna
Sicura”. La verifica dell’avvenuta registrazione spetta alle
compagnie aeree e marittime.
Tutti i viaggiatori in arrivo nell’Isola, oltre a sottoporsi
alla misurazione della temperatura corporea, dovranno continuare
a compilare la scheda di ricerca di possibili pregressi
infezione o contatto col Coronavirus, contenuta nel modulo di
registrazione e dare il proprio consenso all’effettuazione
dell’indagine epidemiologica regionale. Nella stessa ordinanza viene confermata la programmazione
ordinaria dei servizi di linea e non di linea erogati dalle
aziende di trasporto pubblico locale (Tpl) su gomma, su ferro e
nei collegamenti marittimi tra la Sardegna e le isole minori
(San Pietro, La Maddalena e Asinara)., nonchè quelli per il
trasporto di merci e persone con la Corsica sulla tratta Santa
Teresa di Gallura – Bonifacio. In tutti questi casi restano in vigore le prescrizioni anti
covid, incluso l’obbligo della mascherina a bordo, mentre è
permessa l’occupazione del 100% dei posti a sedere su bus,
metro, treni, taxi e ncc. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.