ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Morì fuggendo a stupro, appello assolve

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Ribaltata condanna tribunale Arezzo per morte di Martina Rossi
Ribaltata condanna tribunale Arezzo per morte di Martina Rossi
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – FIRENZE, 09 GIU – La corte di appello di Firenze,
ribaltando il primo grado, ha assolto “perchè il fatto non
sussiste” Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, imputati di
tentata violenza sessuale di gruppo nel processo per la morte di
Martina Rossi, la studentessa 23enne deceduta il 3 agosto 2011
precipitando da un balcone dove era in vacanza a Palma di
Maiorca. Secondo l’accusa la ragazza stava sfuggendo a un
tentativo di stupro. Il 14 dicembre 2018 il tribunale di Arezzo
aveva condannato i due imputati a 6 anni. “Non c‘è niente,
Martina non c‘è più, e anche la giustizia non c‘è più”, è stato
il commento di Bruno Rossi, padre di Martina. I genitori di
Martina hanno assistito alla lettura del dispositivo tenendosi
per mano. “La giustizia italiana si è interrotta sul lavoro
fatto in precedenza”, ha detto Bruno Rossi. “Cosa farò domani?
Terrò stretta mia moglie. Sono arrabbiato, l’assoluzione perché
il fatto non sussiste – ha detto – vuol dire infangare l’onore
di Martina, vuol dire sostenere che è volata giù da sola”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.