ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Elicottero contro aereo: "volo fantasma"

Access to the comments Commenti
Di ANSA
"Non doveva essere su ghiacciaio",7 morti nell'incidente in 2019
"Non doveva essere su ghiacciaio",7 morti nell'incidente in 2019
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – AOSTA, 22 GIU – E’ stato “un determinante fattore
umano” a causare l’incidente: il velivolo francese stava
compiendo un “volo fantasma” sul ghiacciaio italiano. Lo scrive
il gup di Aosta nella sentenza con cui lo scorso 29 gennaio ha
condannato a 6 anni e 8 mesi di reclusione Philippe Michel, il
francese di 65 anni, pilota e istruttore di volo, accusato della
tragedia del Rutor, dove il 25 gennaio 2019 erano morte sette
persone nello scontro tra un aereo da turismo partito da Megève
(Francia) e un elicottero dell’eliski con base a Courmayeur
(Aosta). Per il giudice la presenza dell’aereo su cui si trovava
Michel era “inattesa e imprevedibile” e “avvenuta in totale
spregio delle normative internazionali, nazionali e regionali
che regolano il volo e, nello specifico, limitano fortemente la
possibilità di avvicinarsi all’area e di compiervi atterraggi e
ripartenze”. Al pilota dell’elicottero, il toscano Maurizio
Scarpelli, morto nello scontro, non può “essere onestamente
mosso alcun appunto”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.