ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vaccino anti Covid, ecco come procede la campagna in Europa

euronews_icons_loading
Vaccino anti Covid, ecco come procede la campagna in Europa
Diritti d'autore  Michel Euler/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Francia, più vaccinati dopo le critiche

La Francia amplia la platea di destinatari del vaccino anti Covid, puntando al milione di vaccinati entro la fine del mese.

Gli ultra75enni si sono aggiunti all'elenco, che include già chi soffre di patologie gravi. Il tentativo di velocizzare la campagna risponde alle critiche piovute addosso al governo per la sua lenta partenza nel piano di prevenzione, esteso adesso a 6 milioni e 400 mila francesi.

L'Italia aspetta AstraZeneca

Con un milione di vaccinati l'Italia è prima in Europa e inizia a somministrare il richiamo a chi ha già ottenuto la prima dose del siero Pfizer-BionTech. Con priorità al personale sanitario.

Lunedì prossimo dovrebbero tornare regolari le consegne del vaccino tedesco, che hanno rallentato la campagna. E venerdì 29, si attende la decisione dell'Agenzia europea del farmaco su quello di AstraZeneca.

"La prima iniezione non ha dato nessun effetto collaterale e adesso, con la seconda, non ho sentito nulla, nemmeno un pizzicotto - racconta Valeria Converti, un medico di Roma - Dobbiamo aspettare 15 o 20 minuti per assicurarci che non ci sia nessuna reazione avversa, dopodiché si va a casa".

Spagna: 70% vaccinati entro l'estate

Nelle case di riposo è iniziato il giro di richiami.

Il governo iberico, che ha anche iniziato a somministrare il farmaco dell'americana Moderna, ha assicurato che il 70% della popolazione sarà vaccinato entro l'estate.

➡️ Leggi anche: Covid-19, chi fa più vaccini in Europa? Tutti i numeri e la mappa

➡️ Leggi anche: Ingredienti del vaccino AstraZeneca e differenze con i due già approvati, Pfizer e Moderna

➡️ Leggi anche: Vaccini scaduti e perdite milionarie: lezioni del fiasco per l'influenza H1N1

Norvegia, dopo le reazioni avverse la campagna procede

Anche fra i cittadini europei non manca chi ha perplessità sul vaccino e teme eventuali effetti collaterali. In Norvegia il governo ha rivisto le sue politiche di somministrazione dopo la morte di alcune decine di anziani, malati terminali, che l'avevano ricevuto da poco.

"Non c'è nessuna preoccupazione. E nessuna ragione per temere il vaccino - spiega a Euronews Steinar Madsen, direttore dell'agenzia del farmaco - Volevamo solo essere un po' più specifici con un piccolo gruppo di pazienti che ha patologie gravissime. Diversamente non ci saranno cambiamenti nel piano vaccinale."

Londra, un ricovero ogni 30 secondi

Nel Regno Unito la platea di destinatari della prima dose è salita a 3,8 milioni e il governo ha esteso la campagna al terzo e quarto gruppo di cittadini in ordine di priorità.

In Inghilterra hanno aperto i battenti altri 10 centri di vaccinazione di massa. Ma mentre la distribuzione del vaccino incrementa neppure il virus rallenta la presa, con il dato preoccupante di un ingresso in ospedale ogni 30 secondi.