ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Un'Europa più equa, digitale e verde. L'agenda sociale del Portogallo per il semestre europeo

euronews_icons_loading
Un'Europa più equa, digitale e verde. L'agenda sociale del Portogallo per il semestre europeo
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Campagna di vaccinazione di massa, ripresa economica e rafforzamento della dimensione sociale dell’Europa.

Un’agenda ambiziosa per il Portogallo illustrata durante la prima visita ufficiale di Ursula von der Leyen a Lisbona, per l’inaugurazione della presidenza portoghese del Consiglio dell’Unione europea iniziata il primo gennaio. Ad accogliere la Presidente della Commissione il Primo Ministro António Costa che in conferenza stampa ha elogiato il lavoro svolto dalla Germania, sottolineando che ora è il momento di agire per una ripresa equa, verde e digitale.

Le priorità di questo mandato sono in linea con quelle della Commissione. Una visione comune che consentirà alle due istituzioni di collaborare strettamente nei prossimi 6 mesi. "Quando si parla di Europa, si parla di persone, lavoratori, piccole imprese, opportunità per i giovani di trovare un lavoro, ha dichiarato la von der Leyen. C'è bisogna di solidarietà in questi tempi di crisi, e quindi accolgo con grande favore le linee della presidenza portoghese e il suo impegno per rafforzare l’economia sociale del mercato europeo.

Il Patto di stabilità rimane sospeso per il 2021

Per ristabilire le regole di Bilancio dell'Unione europea non ci sono calendari ma condizioni, ha dichiarato la Presidente della Commissione europea. “Dobbiamo essere chiari sul fatto che il sostegno fiscale deve continuare, la clausola di sospensione del Patto di Stabilità resterà anche per tutto il 2021", ha aggiunto.

Intanto nelle prossime settimane sarà presentato un piano d’azione per l’attuazione del Pilastro europeo dei diritti sociali, adottato dall’Unione europea nel 2017 per sostenere pari opportunità e accesso al mercato del lavoro, condizioni di lavoro eque, protezione sociale e inclusione. Bruxelles intende sbloccare le prime risorse del Recovery entro giugno ma i governi devono ratificare in fretta.