ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Stoccolma: in carcere anziana che ha segregato il figlio per 28 anni

euronews_icons_loading
vista su Stoccolma
vista su Stoccolma   -   Diritti d'autore  Andres Kudacki/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

A Stoccolma, una donna di 70 anni è stata arrestata con l'accusa di aver tenuto segregato il figlio per 28 anni.

L'uomo che ormai ha 41 anni è stato trovato in condizioni di estrema indigenza, sporco, pieno di piaghe infette e senza i denti. È stato immediatamente ricoverato in ospedale.

I vicini, ovviamente non si sono accorti di niente. Come racconta uno dei condomini che era convinto che la donna vivesse da sola:

"Sono rimasto scioccato: si sentono queste cose, e si pensache succedano altrove ma mai vicino a te. Ho iniziato a riflettere: ho mai sentito dei rumori strani, visto qualcosa di strano, reazioni strane? Ma la prima reazione è veramente lo choc, è così sinistro tenere una persona prigioniera per quasi 30 anni. Io non vivo qui da così tanto tempo, altrimenti avrei notato la sparizione di una persona".

A portare alla scoperta la polizia, una persona dell'entourage familiare, che ha approfittato del ricovero della madre in ospedale: se da un lato questa persona, che non è stat identificata, si è detta sollevata dall'altro ha capito di essere rimasta vittima a sua volta e per tutto questo tempo di una donna manipolatrice e dalla mente forse disturbata.

Il parente sembra si sia recato nell'appartamento riuscendo a entrare, domencia scorsa. Il luogo era sporco, odorava di urina, era una polveriera. A un certo punto ha sentito dei rumori provenire dalla cucina, entrando ha trovato il giovane seduto su cuscini e coperte, parlava velocemente e in modo incoerente ma non era spaventato.

Il procuratore Emma Olson ha detto che le indagini sono in corso e appena possibile madre, figlio e testimoni saranno ascoltati.