ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Come la tecnologia immersiva sta trasformando architettura e istruzione

euronews_icons_loading
Come la tecnologia immersiva sta trasformando architettura e istruzione
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai
Dimensioni di testo Aa Aa

Le tecnologie immersive stanno smussando i confini tra mondo virtuale e mondo fisico. Laddove la realtà virtuale immerge i sensi dell'utente in un mondo simulato, la realtà aumentata altera la nostra percezione del mondo fisico, spesso attraverso lo schermo di uno smartphone. Le possibilità di applicazione di queste tecnologie, in campi che vanno dall'architettura all'istruzione, sono vaste e in continua espansione.

Euronews
Il casco HTC Vive Focus plusEuronews

"Ecco l'HTC Vive Focus plus. Si tratta di un casco di realtà virtuale completamente equipaggiato, che si usa in campi che vanno dalla formazione allo sviluppo, dall'istruzione al gioco", ci spiega Daniel Khayat, responsabile prodotto presso HTC.

"Siamo a Vive Sync, un ambiente virtuale per riunioni, presentazioni e dimostrazioni", prosegue Khayat. "Grazie alla realtà virtuale, posso portare qualsiasi cosa in sala riunioni: presentazioni PowerPoint, video, ma anche modelli 3D. Nel campo dell'ingegneria, ad esempio, le persone possono portare macchinari pesanti, attrezzature costose, in un ambiente virtuale sicuro al 100%; dove è possibile riprogettare tutto in modo molto più economico".

La VR per imparare

Il consulente di realtà virtuale Steve Bambury è in prima linea nell'applicazione della VR all'istruzione a Dubai: "Abbiamo avuto l'opportunità di integrare la realtà virtuale, per arricchire e ridefinire le esperienze di apprendimento", racconta Bambury. "Che si tratti di usare applicazioni come 'Google Tilt brush', per permettere agli studenti di creare opere d'arte altrimenti impossibili, come dipingere con il fuoco; che si tratti di portare gli studenti all'interno del corpo umano, per imparare biologia o di portarli indietro nel tempo, per conoscere il passato. Si possono abbattere i muri della classe e portare gli studenti ovunque. È l'informatica spaziale. Ed è un passaggio monumentale da iPad e tablet touchscreen, a cuffie VR, calcolo spaziale e tecnologia immersiva".

JESS Dubay via Euronews
Un bambino usa la VR per imparareJESS Dubay via Euronews

L'importanza della VR nell'architettura

Nel mondo dell'architettura la tecnologia immersiva sta rimodellando l'intero processo. Ce lo spiega Michael Naguib, architetto senior presso LWK & partners. "La realtà virtuale ci ha dato davvero un livello completamente diverso di revisione e convalida del nostro progetto", dice l'architetto. "E in un certo senso, ora è possibile guardare e sentire, capire le proporzioni e la scala e la forma del nostro progetto, in modo molto efficiente e pratico".

Ma cosa si può fare grazie all'uso della realtà virtuale nel campo dell'architettura? "È possibile utilizzare materiali, cambiare il design dei materiali in un secondo", risponde Naguib. "E così si può capire meglio qual è la giusta illuminazione, la giusta consistenza della luce. Ed è molto positivo per gli architetti, perché possono anche pensare al design puro, alle forme e alle geometrie, piuttosto che pensare alle finiture e ai materiali del progetto".

"La trasformazione digitale del nostro ambiente - costruito usando cose come la realtà virtuale o la Building Information Modeling, per creare edifici e modelli nello spazio 3D - questo sarà il gemello digitale del prodotto finale che verrà costruito. Cosa ce ne facciamo di questo?", dichiara Kerem Cengiz, amministratore delegato di LWK & partners per la regione Mena.

IsBIM via Euronews
Un edifcio sezionato grazie alla VRIsBIM via Euronews

E' una risorsa digitale importante per gli architetti. "Questo è un vero e proprio edificio, che si può esaminare nell'ambiente digitale", prosegue Cengiz. "Lo si può sezionare in qualsiasi modo si voglia. E si può estrarre qualsiasi informazione, su quel particolare piano in qualsiasi momento".

E tutto avviene in tempo reale, accelerando così notevolmente il processo. "L'integrazione intelligente delle informazioni, di come prendiamo i dati e li forniamo al sistema, è il modo in cui questi asset digitali cominceranno a giocare un ruolo anche nel modo in cui gestiamo le nostre città, come gestiamo il fabbisogno energetico, idrico, stradale, come gestiamo insomma tutti i bisogni umani che diamo per scontati ogni giorno", conclude Cengiz.