ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Usa: religione, aborto e Corte Suprema a un passo dal voto

euronews_icons_loading
Usa: religione, aborto e Corte Suprema a un passo dal voto
Diritti d'autore  Patrick Semansky/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Non si sentiranno magari forti applausi per Amy Coney Barrett nelle chiese cattoliche del Midwest ...

... e nemmeno proteste rumorose. Ma la gente qui intorno vuole mettere in chiaro come si sente riguardo a una donna conservatrice e devotamente cattolica che raggiunge la Corte Suprema.

Coney Barrett attualmente presiede qui in questa corte federale di Chicago, Illinois ... Fuori dal tribunale, ci sono state proteste silenziose, che invocano la storia di sottomissione delle donne del "Racconto dell'ancella" .

Questi manifestanti sostengono che le opinioni sull'aborto e sui diritti dei gay della Barrett non si adattano a questa città liberale.

L'Illinois ha una legge statale che garantisce il diritto di aborto.

Ma in molte chiese, dove il movimento anti-aborto è più forte, c'è la sensazione che Roe contro Wade (la storica sentenza della legislazione sull'aborto) potrebbe essere ribaltata se Coney Barrett fosse nominata. Quella decisione della Corte Suprema ha legalizzato l'aborto a livello nazionale nel 1973.

Secondo i sostenitori di Coney Barrett ci sono state altre possibilità in passato di ribaltare lastorica sentenza, ma non è mai successo. E sperano possa succedere adesso

Secondo i critici di Coney Barrett, invece, se dovesse decadere la legge Roe, le donne potranno comunque avere aborti sicuri in luoghi protetti".

Il presidente Trump ha fatto del suo meglio per portare gli elettori religiosi nel suo campo, raccontando anche che durante il lickdown assisteva a riti religiosi di diverse chiese virtuali.

L'analista politico di Chicago Thom Serafin afferma che le documentate opinioni anti-aborto di Coney Barrett potrebbero fare la differenza nelle elezioni.

Un ulteriore tema scottante da considerare per gli elettori, dunque, mentre la campagna presidenziale avanza.