ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il timore dei piccoli imprenditori di fronte a nuove misure anticovid dei vari governi

euronews_icons_loading
Il timore dei piccoli imprenditori di fronte a nuove misure anticovid dei vari governi
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

"Se non ci uccide il covid lo farà la crisi economica". È la frase che ripetono in tutta Europa i piccoli esercenti, le partite iva e tutti i liberi professionisti convinti che un nuovo confinamento totale o l'inasprimento delle misure esistenti getterà milioni di persone in mezzo a una strada.

Qui siamo in Galles dove sono chiusi bar, ristoranti e negozi. Un blocco per 17 giorni a partire da venerdì sera.

Così Mary Coleman, proprietaria del negozio Looby Lou's Baby Wear: "Stiamo facendo due passi avanti e sei passi indietro, molte persone vengono al mercato per socializzare sono sole. È piuttosto devastante."

Il Regno Unito ha numeri di coronavirus altissimi. Oltre 44.000 morti confermate. Oltre 1.700 morti in Galles, che ha una popolazione di 3 milioni di abitanti.

L'Italia si prepara a un secondo picco di casi e le autorità stanno mettendo in atto nuove restrizioni. A Milano un nuovo coprifuoco ha costretto ristoranti e bar a chiudere alle 23:00. Molte aziende potrebbero non sopravvivere.

Paolo Polli, ristoratore, dice: "Ora guadagniamo molto meo, ora non guadagniamo abbastanza, ecco perché ho detto che se apriamo andremo in bancarotta. È meglio restare chiusi che aprire. Nel momento in cui si alza la saracinesca ci sono dei costi fissi che non avresti se rimani chiuso".

In Francia, dove due francesi su tre devono sottostare a un coprifuoco dalle 21 alle 6 del mattino, provano a rispolverare il brunch, almeno nei fine settimana. È quello che fanno a Lione i membri dell'organizzazione "Bouchons Lyonnais".

Benoît Quiblier, partner dell'associazione "Les Bouchons Lyonnais", dice: "(Questo brunch) mi permette di dimenticare un po 'tutto il contesto, di divertirmi, di bere, di mangiare ... È un po' diverso da quello che vediamo di solito ma sta andando molto bene".

La Francia è stata l'ultima nazione europea a superare il milione di casi di virus confermati, anche se va detto che nelle ultime settimane sono stati realizzati una quantità enorme di tamponi. Il primo ministro Jean Castex ha esteso un coprifuoco che adesso interessa 46 milioni di persone su una popolazione di 67 milioni.