ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Una serra per la città

euronews_icons_loading
Una serra per la città
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Attraverso il bando FEDER Innterconecta, dal CDTI (Centro per lo Sviluppo Tecnologico Industriale) un gruppo di aziende spagnole ha creato quello che può significare un cambiamento nel sistema di produzione di frutta e verdura: un nuovo modello di serra che può essere implementato in città o parchi senza bisogno di luce artificiale o impronta di carbonio.

Quello che una volta era un deserto è oggi Almería, nel sud-est della Spagna, il frutteto più grande d'Europa. L'agricoltura intensiva delle serre ha portato prosperità a questa zona, e con essa la specializzazione di nuove tecniche di coltivazione di frutta e verdura.

Dice Juan Pardo direttore tecnico di Greendomo: “Questa serra ha la forma di una cupola geodetica. È una struttura composta da triangoli, che sono la forma geometrica più semplice che esista. C'è un minimo consumo e utilizzo di energia e materiali, in modo che non ci siano ostacoli strutturali all'arrivo della radiazione solare alle piante. In modo che queste possano effettuare la fotosintesi. L'energia luminosa è distribuita in modo più globale e omogeneo, in modo che non ci siano ombre che danneggiano le piante".

Il sistema di semina verticale a colonne rotanti permette di produrre raccolti durante tutto l'anno utilizzando il 70% in meno di acqua. La tenuta della struttura la protegge da condizioni meteorologiche avverse e parassiti che influiscono sulle prestazioni e sulla qualità dell'agricoltura più tradizionale.

L'idea è che possa essere installata all'interno delle città, nei parchi, nelle piazze e persino nelle case. Sono necessari solo 2 operai per la sua manutenzione.

Dice Eduardo Pardo, direttore tecncico del progetto: "In realtà potrebbe essere ancora più redditizio di un sistema tradizionale o di una produzione in sistemi di agricoltura intensiva tradizionale. Perché? Perché si lavora sulla prossimità, si risparmia sui trasporti, si rispettano i requisiti impronta-carbonio e si fornisce un prodotto fresco. I consumatori pagheranno di più per un prodotto che sanno di aver appena acquistato ".

Afferma la nostra inviata: “L'idea Greendomo gioca un ruolo importante nell'agricoltura urbana e nell'agricoltura del futuro. Ma ci vuole il sostegno di governi e fondazioni per dare una grande spinta. Ciò contribuirebbe a soddisfare la crescente domanda globale di cibo, oltre a trasformare la vita quotidiana degli abitanti delle città di tutto il mondo".