ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid: brusco stop alla ricerca, interrotta la sperimentazione del vaccino di Johnson & Johnson

euronews_icons_loading
Covid: brusco stop alla ricerca, interrotta la sperimentazione del vaccino di Johnson & Johnson
Diritti d'autore  Cheryl Gerber/Copyright Cheryl Gerber
Dimensioni di testo Aa Aa

Ora è toccato a Eli Lilly e Johnson & Johnson, che hanno sospeso le ricerche sui trattamenti anti-Covid: Eli Lilly, una delle società sponsorizzate dall'amministrazione Trump, ha sospeso i suoi test clinici per "possibili preoccupazioni legate alla sicurezza", stando ad alcune e-mail inviate da funzionari governativi ai ricercatori e alle cliniche interessate.

La decisione segue di poche ore quella di Johnson & Johnson, che ha sospeso le sperimentazioni sul vaccino contro il Covid-19 dopo che un partecipante ha sviluppato "una reazione avversa".

J&J si è limitata a precisare che non si sa ancora se il soggetto ammalatosi abbia testato il vaccino o un placebo. Le verifiche sono in corso, il settore medico dell'azienda precisa comunque che gli eventi avversi gravi non sono rari negli studi clinici, e che la loro frequenza è direttamente proporzionale al progresso dello studio.

La fase tre, che prevedeva il reclutamento on line di volontari, era iniziata a settembre con l'obiettivo di raggiungere 60 mila partecipanti su più di 200 laboratori negli in tutti gli USA e in altri Paesi.

Ora resta da vedere se la decisione di Eli Lilly sia stata presa in conseguenza dello stop di J&J, cosa che potrebbe far pensare a preoccupazione serie da parte del governo statunitense.

Un mese fa un altro stop

Un mese fa il precedente i un altro colosso farmaceutico statunitense AstraZeneca che aveva interrotto la sperimentazione in seguito alla patologia inspiegabile sviluppata da un cittadino britannico.

I test sono ripresi a ottobre in Giappone ma non negli Stati Uniti.

La ricetta del vaccino Johnson & Johnson

Nel quadro dell'operazione Warp speed per lo sviluppo di un vaccino, la J&J ha ottenuto 1,45 miliardi di dollari dal governo statunitense: lo studio di J&J si basa sullo sviluppo di una dose unica di adenovirus, responsabile del raffreddore, modificato di modo che non possa replicarsi, che è combinato con lo spike del coronaviurs Sars-CoV-2. Johnson & Johnson era ricorso alla stessa ricetta per elaborare un vaccino contro il virus di Ebola, la cui immissione nel mercato è stat approvata dalla Commissione europea a luglio.