ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Stima dell'OMS: "Su dieci persone una è positiva al coronavirus"

euronews_icons_loading
Stima dell'OMS: "Su dieci persone una è positiva al coronavirus"
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Organizzazione Mondiale della Salute stima che una persona su dieci in tutto il mondo possa essere positiva al coronavirus. Dunque la pandemia è destinata a durare e il potenziale di nuove infezioni resta enorme. "Al momento le nostre stime migliori ci dicono che circa il 10% della popolazione mondiale potrebbe essere stata infettata da questo virus. Questo dato varia in base al Paese e a seconda del contesto urbano o rurale e tra i diversi gruppi. In tutti i casi questo significa che la stragrande maggioranza del mondo rimane a rischio", ha detto Michaer Ryan, dell'OMS.

Intanto, dove il virus sta colpendo di più, come a Parigi, si introducono ulteriori restrizioni. Per due settimane i bar resteranno chiusi, come le piscine e le palestre, e sono vietate riunioni di famiglia, banchetti di nozze e feste studentesche. L'obiettivo è quello di abbassare la curva ed evitare un nuovo confinamento. "La pandemia sta andando troppo veloce. Dobbiamo frenarla ora, prima che il sistema sanitario ne venga sommerso. I numeri lo dimostrano abbastanza chiaramente. E dobbiamo farlo evitando di mandare in frantumi il nostro Paese", ha detto Didier Lallement, prefetto di Parigi.

Da venerdi scorso anche la capitale spagnola ha imposto limiti alla circolazione con le periferie e la chiusura anticipata di negozi e ristoranti. La Spagna ha registrato più di 23.000 casi positivi durante il fine settimana, il 28% dei quali a Madrid, che si conferma il territorio più colpito. Il ministro della Salute Salvador Illa: "Siamo ancora molto preoccupati. Secondo noi le prossime settimane continueranno ad essere dure, settimane molto dure".

Da domenica l'Italia ha registrato 2.257 nuovi casi positivi, una cifra sensibilmente al di sotto dei quasi 3.000 toccati negli ultimi giorni. Il dato in calo tuttavia per il ministero della Salute si spiega col numero minore di test eseguiti nello stesso periodo.