ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La sfida Bayern-Siviglia, a Budapest in pandemia

euronews_icons_loading
La sfida Bayern-Siviglia, a Budapest in pandemia
Diritti d'autore  AP Photo/Kerstin Joensson
Dimensioni di testo Aa Aa

Tutto è pronto nel quartier generale del Fanclub ungherese del Bayern Monaco per la sfida fra il Bayern e il Siviglia, valevole per la Supercoppa Europea 2020. Alcuni guarderanno qui sui maxi schermi la partita. Altri hanno avuto la fortuna di strappare un biglietto per lo stadio, la Puskas Arena di Budapest.

Molte defezioni

Non tutti però sono all'appuntamento per via dei gravi rischi di infezione. Molti tifosi tedeschi hanno disdetto le prenotazioni e i supporter ungheresi del Bayern lo hanno notato: "Coloro che torneranno in Germania finiranno probabilmente in quarantena. E ci sono molti test da fare, il test prima di partire per l'Ungheria e poi i test al ritorno. Ieri siamo stati informati che in tanti hanno cancellato il viaggio. Penso solo poche centinaia di sostenitori arriveranno." ammette László Mayer del fanclub ungherese del Bayern Monaco.

Lo stadio a un terzo della capienza

Nello stadio sono ammesse 20 mila persone, un terzo della capienza. Devono indossare la mascherina e tenersi a distanza l'uno dall'altro, ma non sembrano misure sufficienti. È opinione corrente per le strade di Budapest: "Non credo che una partita di calcio sia così importante da non poter essere organizzata senza spettatori vista la situazione attuale" Ci dice un passante. "Non sono d'accordo, non vorrei che venisse giocata per via della folla enorme. Questa è una situazione è lo scenario migliore per il virus" conferma una ragazza.

L'esperimento UEFA

La UEFA ha fatto di questa partita un esperimento visto che sarà dalla primavera la prima partita di calcio internazionale con la presenza di un buon numero di spettatori. Ma, poiché l'Ungheria sta combattendo con una seconda ondata molto dura d'infezione in tanti pensano che l'evento sia troppo rischioso nel mezzo della pandemia. Per il corrispondente di Euronews Ádám Magyar "Solo un caso di contagio è stato riscontrato in Ungheria il 17 giugno, quando la UEFA ha deciso che Budapest avrebbe dovuto ospitare la Supercoppa. Durante l'estate poteva sembrare una buona idea organizzare la partita con gli spettatori ma l'occasione è stata persa."