ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Massacro in Niger: uccisi da terroristi 8 operatori umanitari francesi e nigerini

euronews_icons_loading
Massacro in Niger: uccisi da terroristi 8 operatori umanitari francesi e nigerini
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Vicino al loro veicolo calcinato sono stati trovati i corpi delle otto persone, due nigeriane e sei francesi tra cui dipendenti della Ong Acted, uccise domenica da uomini armati arrivati ​n moto nell'aera di Kouré (sud-ovest del Niger).

Stando alle testimonianze raccolte dall'agenzia France Presse la maggior parte delle vittime è stata uccisa a colpi di arma da fuoco mentre una donna che è riuscita a scappare è stata catturata e massacrata in successione. Uno dei corpi è stato dato alle fiamme.

Lo sdegno di Macron

Il presidente francese Emmanuel Macron ha denunciato il vile attacco mortale che ha colpito un gruppo di operatori umanitari massacrati dai terroristi attivi nel Sahel. Intanto la più vicina guarnigione francese di stanza in Africa ha fornito immediatamente supporto alle truppe nigerine per dare la caccia agli assalitori. L'esercito nigerino ha attraversato la zona del crimine, una vasta regione boscosa, sorvolata da aerei da combattimento francesi. L'area di Kouré ospita gli ultimi branchi di giraffe dell'Africa occidentale. La regione di Kouré una vasta area instabile ubicata in prossimità dei confini con Niger, Burkina Faso e Mali, che è diventata un ritrovo per i jihadisti saheliani.

La reazione delle autorità del Niger

Secondo il ministero dell'Interno nigerino, "sono in corso operazioni di indagine e ricerca, in collaborazione con i partner (francesi) per trovare gli autori di questi atti spregevoli e rafforzare la sicurezza nell'area" .

L'esercito nigerino ha attraversato la zona del crimine, una vasta regione boscosa, sorvolata da aerei da combattimento francesi. La regione di Kouré, una vasta area instabile ubicata in prossimità dei confini con Niger, Burkina Faso e Mali, è diventata un ritrovo per i jihadisti saheliani. Va anche detto che la zona ospita gli ultimi branchi di giraffe dell'Africa occidentale che da poco hanno ricominciato a riprodursi.

Rettifica: ci scusiamo con i lettori per la confusione della terminologia nigeriani/nigerini che abbiamo corretto