ULTIM'ORA
This content is not available in your region

COVID-19, gli Emirati Arabi dichiarano battaglia al virus con la tecnologia

euronews_icons_loading
COVID-19, gli Emirati Arabi dichiarano battaglia al virus con la tecnologia
Dimensioni di testo Aa Aa

La battaglia per contenere la diffusione di COVID-19 è globale, le misure di contenimento sono state adottate nella maggior parte dei Paesi del mondo.
Gli Emirati Arabi Uniti hanno iniziato a lanciare soluzioni tecnologiche innovative: dai droni che disinfettano le strade di Dubai ai gate igienizzanti multifunzione, sino alle app di tracciamento.

Test capillari e innovazione: la risposta di Dubai

Quando e come si possono allentare le misure di confinamento in modo sicuro? Questa è una domanda alla quale ogni leader mondiale ha dovuto rispondere negli ultimi mesi. Dubai è uscita dalla fase più rigorosa del suo isolamento dopo un solo mese.
Avere uno dei più alti livelli pro capite di test al mondo ha certamente aiutato e, nonostante le preoccupazioni sulla privacy violata dal "Grande Fratello" che ci guarda, ha aiutato anche l'adozione precoce di un'app per la tracciatura tramite bluetooth.
La risposta di Dubai alla pandemia è stata guidata dall'innovazione, con macchine autonome che sono diventate la norma. Anche nei porti sono state approntate delle barche di sorveglianza senza equipaggio e controllate a distanza.

Euronews
Dubai, uno dei più alti livelli pro capite di test al mondoEuronews

Realizzare ventilatori accessibili e in quantità elevata

Alla Dubai Future Foundation gli scienziati stanno sviluppando dei ventilatori che sperano possano essere prodotti in serie in modo semplice ed economico.

Dice Khalifa Alqama dei Dubai Future Labs: "A febbraio e marzo, il mondo intero aveva meno di centomila ventilatori. Ci è stato subito chiaro che dovevamo vedere come potessimo essere d'aiuto. Abbiamo pensato che avremmo potuto fare qualcosa, come la realizzazione di un prototipo di ventilatore. Il nostro obiettivo è quello di produrre un ventilatore che possa essere accessibile ma che abbia tutte le caratteristiche di un vero e proprio ventilatore. Questo significa assicurare ai medici il controllo sul volume d'aria che entra nel paziente o sulla pressione di cui si ha bisogno. Un bambino ha bisogno di una pressione molto diversa di quella necessaria a un adulto e di una quantità di ossigeno differente".

Attualmente i Dubai Future Labs hanno avviato la fase di prototipazione: i test riguardano quattro modelli. In futuro - spiega Alqama - cercheremo di produrli a centinaia, almeno per avere uno stock e potenzialmente per l'export, per chiunque ne abbia bisogno. Ma questo avverrà dopo la verifica: i controlli da parte di soggetti terzi su questi dispositivi".

Disinfettare le strade? Ci pensano i droni

Fin dalle prime fasi di isolamento, Dubai ha impiegato droni per disinfettare e combattere il virus negli spazi pubblici.
Pejman Ghorbani, manager di Media Avanzati, racconta di aver ricevuto una telefonata dall'amministrazione di Dubai che voleva utilizzare il drone agricolo per la disinfezione: "Li avevamo in magazzino, così abbiamo accettato l'invito. Con i droni è possibile fare in modo che il liquido disinfettante vada dappertutto grazie al flusso d'aria che le eliche producono, perché è così che è stato progettato per diffondere i liquidi".

La quantità di liquido che esce dagli ugelli è controllabile. Con il serbatoio pieno e con la batteria carica può volare dai 10 ai 15 minuti. E si può coprire circa un acro all'ora.

Euronews
Emirati Arabi: disinfezione coi droniEuronews

Il ''nuovo normale'' per tenere a bada il virus

L'azienda degli Emirati Arabi Uniti 'Guard ME' ha invece sviluppato un elegante turnstyle in grado di prendere la temperatura, di rilevare le maschere facciali e avvolgere i passanti in una nebbia di disinfettante creata con ultrasuoni. Per il co-fondatore dell'azienda, tutto questo rappresenta il 'nuovo normale': "Ci sono molti cambiamenti nella nostra vita. Ricordate prima? In tutti i voli aerei si poteva fumare ed era normale farlo, ma ora non più. Non è permesso. E lo stesso succede adesso - dice Husam Zammar - quindi la cosa normale, nei prossimi due o tre mesi, sarà magari che. se non ti controllano la temperatura, vuol dire che c'è qualche problema nell'edificio o nell'organizzazione dove non lo fanno".

Le aziende cominciano dunque a rispondere alle nuove esigenze e le persone a interagire secondo le necessità.
A Dubai, in campo, c'è un mix di innovazioni nel campo della medicina, della tecnologia mobile e della sanificazione, che tengono a bada il virus.