A domiciliari per Covid torna in carcere

A domiciliari per Covid torna in carcere
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANZARO, 28 MAG - Messo agli arresti domiciliari il 18 marzo scorso per ragioni di incompatibilità carceraria determinata dalla diffusione del virus Covid-19, stamani è stato arrestato e ricondotto in carcere da personale delle squadre mobili di Catanzaro e Crotone su delega della Dda catanzarese. Si tratta di Nicolino Gioffrè, di 45 anni, condannato in primo grado a 13 anni e 4 mesi di reclusione per associazione mafiosa ed estorsione. Era stato arrestato nel maggio 2017 nell'ambito dell'operazione Jonny in quanto ritenuto "luogotenente" della cosca Arena e referente, per conto della stessa, sul territorio catanzarese. In virtù del suo ruolo di spicco, dalle indagini era emerso anche come partecipe di "summit" di 'ndrangheta tesi a ristabilire i sempre precari equilibri tra cosche dei diversi territori. Avvalendosi anche del nuovo Dl 29 del 10 maggio scorso, il capo della Dda di Catanzaro Nicola Gratteri e il pm Domenico Guarascio hanno chiesto ed ottenuto dal Gip il ripristino della custodia cautelare in carcere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Grecia accoglie i turisti turchi: potranno visitare dieci isole greche con un visto rapido

Scuole sotterranee in Ucraina: a Kharkiv bunker per le lezioni

La madre di Navalny denuncia le autorità russe: "Datemi la salma di mio figlio"