Cts Umbria, rischi Rt non concretizzati

Cts Umbria, rischi Rt non concretizzati
"Quadro epidemiologico non preoccupante" per prof. Stracci
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PERUGIA, 21 MAG - "L'attuale quadro epidemiologico dell'Umbria per il Covid non è preoccupante e i dati dimostrano come non sia diventato concreto il rischio 'moderato' di eventuale ripresa dell'epidemia che era stato ipotizzato dall'Iss sulla base dell'indice Rt riferito al 26 aprile": è quanto afferma con l'ANSA il professor Fabrizio Stracci membro Comitato tecnico scientifico costituito da Regione e Università di Perugia per l'emergenza coronavirus. "Un indice - aggiunge - basato su pochi dati. Che ha un intervallo confidenziale così ampio che non è possibile affermare che Rt sia superiore a uno". Nelle ultime settimane i casi registrati "sono stati pochi - ha detto ancora il professor Stracci - e per lo più asintomatici derivati da screening in diverse comunità e quindi non vi è evidenza di una ripresa epidemica". "I numeri sono così contenuti - ha aggiunto - che qualsiasi variazione sarebbe subito evidente. E' però chiaro che il virus circola e quindi bisogna continuare a rispettare tutte le misure di contrasto".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Morte di Navalny: il funerale l'1 marzo a Mosca

Francia, fa discutere il trasferimento di 195 migranti da Mayotte a un castello alle porte di Parigi

Texas, decine di incendi fuori controllo: bruciati 300mila acri, evacuata fabbrica di armi nucleari