ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Medico Wojtyla, non era paziente facile

Medico Wojtyla, non era paziente facile
I ricordi del prof Proietti, impossibile tenerlo in ospedale
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – PERUGIA, 18 MAG – “Giovanni Paolo II non era un
paziente facile e trattenerlo solo un’ora in più in ospedale era
impossibile”: a ricordare papa Wojtyla a 100 anni dalla sua
nascita è il professore Rodolfo Proietti, medico rianimatore del
policlinico “Gemelli” di Roma che per più di 20 anni si è preso
cura della sua salute. E ora ha scelto Castel Giorgio come sua
residenza. I ricordi e gli aneddoti sono molti, a cominciare
dall’attentato del 13 maggio 1981: “San Giovanni Paolo II non
temeva di morire, le sue preghiere erano rivolte alla Madonna”.
Da allora la vita professionale del medico si lega a quella di
papa Wojtyla. “Lo seguivo – ricorda – anche nelle sue vacanze in
montagna. Un giorno ebbe una piccola distorsione alla caviglia.
Mi permisi di suggerirgli di restare un po’ a riposo e
all’indomani di evitare o limitare la passeggiata. Giovanni
Paolo II mi guardò e mi disse: ‘Le ho chiesto di accompagnarmi
fin qui per rimettermi in sesto in caso di necessità e quindi
domani la passeggiata si farà’”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.