Pop.Bari: sequestro 16mln a ex dirigenti

Pop.Bari: sequestro 16mln a ex dirigenti
Per ostacolo alla vigilanza a false comunicazioni sociali
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 30 APR - Su disposizione della magistratura barese sono stati posti sotto sequestro beni per 16 milioni nei confronti di Gianluca Jacobini, ex co-direttore della Banca popolare di Bari, Giuseppe Marella e Nicola Loperfido, responsabili dell'Internal Audit e della Direzione Business dell'istituto, commissariato nel dicembre 2019 da Bankitalia. Tutti sono accusati di ostacolo alla vigilanza, Jacobini anche di false comunicazioni sociali. BpB è indagata per la responsabilità amministrativa dell'ente. Stando alle indagini della Guardia di Finanza, coordinate dalla Procura, gli indagati avrebbero concesso finanziamenti ad alcuni clienti, prevalentemente grandi gruppi imprenditoriali, "direttamente o indirettamente utilizzati per l'acquisto di azioni proprie, complessivamente incidenti sui fondi propri della banca, in negativo, per 48,9 milioni di euro". Nascondendolo però a Bankitalia e comunicando, per il quarto trimestre 2015, un ammontare dei fondi della Popolare di Bari "non corrispondente al vero", "sovrastimato".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nelle acque siciliane va in scena l'esercitazione della Nato Dynamic Manta

Le notizie del giorno | 27 febbraio - Serale

Polonia, gli agricoltori protestano a Varsavia: "Uscire dal Green Deal dell'Ue"