Coronavirus: silenziato dj di quartiere

Coronavirus: silenziato dj di quartiere
A Genova. E ora fioccano gli appelli per riavere lo svago
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(AN)SA) - GENOVA, 14 APR - Era diventato il dj di quartiere: per mezz'ora, alle 19 ogni giorno, a Multedo, quartiere nel Ponente di Genova, risuonavano le note di musica blues, pop, vecchi successi. L'impianto stereo di Jacopo Saliani, dj di 21 anni, è stato zittito dagli agenti della polizia municipale chiamati da alcuni vicini disturbati per il volume alto. Jacopo a inizio lockdown aveva messo a disposizione la sua voce e i suoi dischi per intrattenere ragazzi, genitori e anziani, con tanto di dediche, auguri di compleanno, ma anche ringraziamenti a medici e infermieri o ricordi di persone che non ce l'hanno fatta. Ma ieri pomeriggio quella mezz'ora di ora d'aria è finita e così alcuni residenti hanno scritto una lettera aperta, su diversi gruppi Facebook, al sindaco Marco Bucci per chiedere di permettere di nuovo a dj Jacopo di fare un po' di musica e chi propone invece di "travolgere" il quartiere attaccando tutti gli impianti stereo di tutte le case.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia, legge sugli "agenti stranieri": arresti in piazza e scontri in Parlamento

Le notizie del giorno | 16 aprile - Serale

Commissione Ue: Pieper rinuncia, ombre su von der Leyen a pochi mesi dalle elezioni