Via Crucis vescovo Catanzaro in carcere

Via Crucis vescovo Catanzaro in carcere
'Agente patogeno non può attaccare nostra anima se c'è amore'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANZARO, 10 APR - "Non consentiamo al coronavirus di farci zittire e di gettarci nella disperazione; non consentiamogli di seminare tra noi solo il male corporeo di cui è capace. L'anima di ognuno di noi nessun agente patogeno può attaccarla se restano in noi le ali dell'amore". A dirlo l'arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, presidente CEC, nella Via Crucis assieme agli ospiti della Casa circondariale di Catanzaro. "In questi giorni in cui siamo tenuti a stare al chiuso - ha aggiunto - siamo po' tutti agli 'arresti domiciliari'. Voi siete costretti, senza deroghe, a stare in un edificio, noi che viviamo fuori da queste mura facciamo i conti, in maniera e misura ovviamente diversa dalla vostra, con una condizione di limitazione della libertà. Da reclusi 'sanitari' sperimentiamo la solitudine e l'isolamento. Ma per voi il dramma del dramma che questa pandemia porta con sé è il fatto che vi separa dai vostri cari proprio quando si avrebbe più bisogno della loro vicinanza affettuosa".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il nuovo patto Ue per la migrazione "inaugurerà un'era mortale di sorveglianza digitale"

Elezioni Ue, Grecia: disoccupazione alta e salari bassi preoccupano i giovani

Le notizie del giorno | 17 aprile - Serale