ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus: che fine ha fatto il presidente del Nicaragua, Daniel Ortega?

Coronavirus: che fine ha fatto il presidente del Nicaragua, Daniel Ortega?
Diritti d'autore  Il presidente venezuelano Maduro con quello di Cuba, Miguel Diaz-Canel, mentre Daniel Ortega, il secondo da sinistra, parla con il ministro degli esteri cubano, Bruno Rodriguez Ramon Espinosa/Copyright 2019 The Associated Press
Dimensioni di testo Aa Aa

Nel bel mezzo della pandemia di coronavirus, preoccupa in Nicaragua l'assenza del presidente Daniel Ortega.

Il leader sandinista non si fa vedere in pubblico da 44 giorni, ovvero dal 21 febbraio, quando ha confermato il capo di stato maggiore dell'esercito, il generale Julio César Avilés, in carica per un terzo mandato quinquennale.

L'ultima volta che si è sentita la sua voce è stato il 12 marzo, quando ha partecipato ad una videoconferenza con i capi di Stato e di governo del Sistema di integrazione centroamericano (SICA) per coordinare la risposta congiunta alla crisi di Covid-19.

L'ultima apparizione pubblica di Ortega - AFP

Da allora, silenzio. Venerdì scorso non ha nemmeno partecipato ai funerali del deputato sandinista Jacinto Suárez, suo amico d'infanzia e con il quale aveva condiviso la cella durante la dittatura di Somoza.

Un'assenza che, secondo il segretario dell'Associazione nicaraguense per i diritti umani (ANPDH), Alvaro Leiva, "è preoccupante perché aggrava la situazione politica di uno stato fallito e senza leadership. È una situazione che aggrava la violazione permanente dei diritti umani che si verifica in Nicaragua e lascia la popolazione ad alto rischio e vulnerabilità di fronte alla pandemia".

Leiva, che parla dal Costa Rica dove è in esilio, ha sfidato lunedì Ortega a comparire davanti alla nazione nicaraguense entro 72 ore per "confermare che è ancora responsabile della gestione pubblica dello Stato".

Ufficialmente, il presidente nicaraguense è in rigida quarantena assieme alla sua famiglia. Solo la moglie e il vicepresidente designato, Rosario Murillo, intervengono al telefono con alcuni media legati al regime. Secondo Murillo, il governo vive sperando nella risurrezione e in Gesù risorto.

In Nicaragua, ma anche tra la comunità all'estero, disinformazione e speculazione sono all'ordine del giorno. Terreno fertile per le voci che circolano sulla sua possibile morte o sul suo possibile trasferimento a Cuba per cure mediche. Resta il fatto che questo tipo di assenza non è comune.

Nessuna misura contro la pandemia

Il governo nicaraguense non ha finora intrapreso alcuna azione per fermare la diffusione del coronavirus. Secondo l'opposizione Civica Alleanza per la giustizia e la democrazia, il regime ha vietato un'iniziativa per l'installazione di sei centri di prevenzione del coronavirus, e di un centro di informazione, orientamento e attenzione alla popolazione del nord del Paese, promosso dal vescovo, Rolando Alvarez, insieme a un gruppo di medici.

"Rendiamo pubblico alla società nicaraguense e alla comunità internazionale l'atteggiamento irresponsabile del regime, che lungi dal promuovere le raccomandazioni delle organizzazioni internazionali, ha piuttosto fatto il contrario", ha denunciato l'Alleanza civica.

La situazione ha portato il Centro non governativo nicaraguense per i diritti umani (CENIDH) a chiedere "la disobbedienza civile di fronte al divieto del Ministero della Salute di creare centri di prevenzione" per difendere "il diritto alla salute e alla vita".

Autoprotezione dagli eventi di massa

In assenza di un'azione governativa, molti nicaraguensi hanno adottato da soli misure preventive e di solidarietà, ignorando le autorità.

Queste misure includono l'allontanamento sociale dagli eventi di massa a cui partecipano attivamente i militanti sandinisti. Le stesse persone che poi vengono inviate casa per casa per "educare" la popolazione sulla pandemia.

Non solo. In coincidenza con l'inizio delle vacanze di Pasqua, il Governo attraverso l'Istituto del Turismo del Nicaragua (INTUR) ha lanciato il "Piano estivo" con una maratona chiamata "Benvenuti all'estate 2020", alla quale hanno partecipato centinaia di cittadini, molti bambini e persone con disabilità.

Durante le festività sono state programmate più di 80 attività, con celebrazioni artistiche, sportive, gastronomiche, religiose e tradizionali.

La paradisiaca isola di Ometepe, nel Grande Lago, è stato uno degli scenari scelti da un sindaco sandinista per festeggiare l'estate.

I funzionari del governo che cercano di minimizzare l'emergenza criticando gli oppositori che sostengono la campagna #StayHome. Uno dei figli del presidente, Juan Carlos Ortega Murillo, ha pubblicato due foto sul suo social network in cui lo si vede godersi la spiaggia con la famiglia.

Ad oggi, il Nicaragua ha notificato ufficialmente sei casi confermati di coronavirus, tutti importati, con una sola vittima. Ha inoltre registrato 22 casi sospetti, di cui 10 sotto osservazione e 12 trattati a casa.

Secondo la Commissione Interamericana per i Diritti Umani (CIDH), il Nicaragua sta vivendo una crisi socio-politica dall'aprile 2018 che ha causato almeno 328 morti. Alcune Ong locali elevano questa cifra fino a 600 decessi.