ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus: meno morti e pazienti gravi

Coronavirus: meno morti e pazienti gravi
Cts, 'in 3 giorni cambiamenti del 10-15%. Follia stop a misure'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 29 MAR – “Ci sono costantemente meno decessi e
meno ricoverati in terapia intensiva, che sono quelli a maggiore
rischio di morte: il trend degli ultimi giorni ci fa ben
sperare. Abbiamo rallentato il dramma di queste settimane”. Luca
Richeldi, pneumologo e membro del Comitato tecnico scientifico
(Cts) del ministero della Salute, sintetizza il cauto ottimismo
per i dati dell’emergenza coronavirus in Italia: il bilancio
giornaliero registra 3.815 malati in più (totale 73.880) e un
incremento di 756 vittime, che porta il bilancio sempre più
pesante a 10.779 morti (sabato l’aumento era stato di 889).
Mentre in terapia intensiva si trovano ora 3.906 malati, solo 50
in più rispetto a ieri. Un dato ritenuto significativo come
quello dei guariti, che non sono aumentati come sabato ma hanno
comunque subito un incremento significativo di 646, che porta il
totale a 13.030. “Siamo ancora nel pieno dell’epidemia – dice il
ministro della Salute Roberto Speranza – Sarebbe un grave errore
abbassare la guardia proprio ora”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.