ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cucchi: Procura Roma impunga condanna Cc

Cucchi: Procura Roma impunga condanna Cc
La motivazione, no alle attenuanti generiche
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 21 MAR – La procura di Roma ha impugnato la
sentenza di condanna della Corte d’Assise di Roma.
Non vanno riconosciute attenuanti a Raffaele D’Alessandro,
Alessio Di Bennardo e, soprattutto, a Roberto Mandolini. Lo
riferisce Ilaria Cucchi, sorella di Stefano Cucchi, in merito
alla sentenza della Corte d’Assise di Roma che ha condannato i
carabinieri Di Bernardo e D’Alessandro a 12 anni di reclusione
per omicidio preterintenzionale ed a 3 anni e otto mesi il
maresciallo Roberto Mandolini per aver contribuito a
manomettere le relazioni di servizio per proteggere i suoi
sottoposti. La sentenza della Corte d’Assise di Roma è arrivata nel
novembre 2019, dopo dieci anni da quell’ottobre 2009, quando il
33enne fu arrestato a Roma per droga e fu restituito senza vita
ai suoi familiari una settimana dopo.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.