Cucchi: Procura Roma impunga condanna Cc

Cucchi: Procura Roma impunga condanna Cc
La motivazione, no alle attenuanti generiche
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 21 MAR - La procura di Roma ha impugnato la sentenza di condanna della Corte d'Assise di Roma. Non vanno riconosciute attenuanti a Raffaele D'Alessandro, Alessio Di Bennardo e, soprattutto, a Roberto Mandolini. Lo riferisce Ilaria Cucchi, sorella di Stefano Cucchi, in merito alla sentenza della Corte d'Assise di Roma che ha condannato i carabinieri Di Bernardo e D'Alessandro a 12 anni di reclusione per omicidio preterintenzionale ed a 3 anni e otto mesi il maresciallo Roberto Mandolini per aver contribuito a manomettere le relazioni di servizio per proteggere i suoi sottoposti. La sentenza della Corte d'Assise di Roma è arrivata nel novembre 2019, dopo dieci anni da quell'ottobre 2009, quando il 33enne fu arrestato a Roma per droga e fu restituito senza vita ai suoi familiari una settimana dopo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

G7 a Capri, si apre la seconda giornata: in agenda aiuti all'Ucraina e l'escalation in Medio Oriente

Germania: arrestate due spie russe, volevano sabotare gli aiuti a Kiev

Operazione Shields: il comandante chiede più mezzi nel Mar Rosso