Soumya, "virus" speranza e laurea Skype

Soumya, "virus" speranza e laurea Skype
Con lei a Sassari 13 nuovi dottori a distanza
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SASSARI, 20 MAR - Forse "andrà tutto bene" non è solo un hastag. Forse c'è un virus più forte e resistente del Covid-19. È il virus della cultura, dell'integrazione e della speranza. Soumya Najoui, di sicuro, è positiva. Marocchina, 27 anni, laurea triennale a Rabat, Università "Mohammed V", da stasera è dottoressa magistrale in Gestione dell'ambiente e del territorio. Il desiderio di tagliare il traguardo è stato più forte degli ostacoli da Coronavirus. Soumya si è vestita elegante, ha messo il 'tocco' a portata di mano e si è seduta davanti al computer, nella sua stanza da studentessa fuori sede. Si è collegata a Skype e ha discusso a distanza la sua tesi su "Risposte di tre cultivar di vite a diverse condizioni di radiazione Uv e temperature". Soumya è uno dei dieci dottori proclamati oggi dal rettore Massimo Carpinelli in una Aula Magna deserta. È stata la prima sessione di laurea a distanza dell'Università di Sassari. Protagonista il Dipartimento di Chimica e Farmacia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Corte Suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre

Le notizie del giorno | 04 marzo - Serale

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel Mar Rosso: il ruolo dell'Italia