ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Don Buonaiuto, dai balconi un'Ave Maria

Don Buonaiuto, dai balconi un'Ave Maria
Lancia flash mob di preghiera, appuntamento alle 19.30
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 16 MAR – Dedicare un momento unitario della
giornata alla preghiera: è la proposta di don Aldo Buonaiuto,
sacerdote della Comunità Papa Giovanni XXIII. “Belli i flash mob
canori dai balconi, però sarebbe anche il caso – è il suo invito – di proporre la recita un’Ave Maria (magari in un momento
unitario, come alle 19.30, accompagnati dal suono delle campane
nelle chiese) per chi sta piangendo i propri morti, per quanti
combattono, spesso a mani nude, contro un mostro invisibile e
per coloro che cercano un significato alla loro esistenza ora
che l’incolumità è in pericolo”. “I cappellani e le suore impegnati in prima linea a supporto
di medici e infermieri, sono l’emblema di una ‘resistenza 2.0’,
nel pieno di un’allerta da cui usciremo comunque modificati. Il
cambiamento deve iniziare dentro di noi, a partire da una
pratica meno formalistica e più sostanziale della fede”,
conclude don Buonaiuto.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.