Nursind, medici aggrediti a Carbonia

Nursind, medici aggrediti a Carbonia
Tre operatori in meno durante gestione emergenza coronavirus
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 13 MAR - "Un paziente psichiatrico arrivato al Pronto Soccorso dell'ospedale Sirai di Carbonia, due notti fa, accompagnato dai Carabinieri (che poi si sono dovuti spostare per servizio), è andato in escandescenza aggredendo il personale sanitario prima verbalmente, poi lanciando oggetti e infine fisicamente". Lo denuncia, in una nota, Marco Zurru dirigente NurSind, sindacato delle professioni infermieristiche, della provincia di Carbonia - Iglesias. Secondo il sindacalista un medico ha riportato "la frattura a una gamba", un altro "contusioni alla spalla" a un infermiere "la distorsione di un dito della mano". "Intanto, come se non bastasse, al pronto soccorso era contemporaneamente presente un altro paziente al quale è stato effettuato il tampone per sospetta positività al Coronavirus". "E' l'ennesimo grave episodio di aggressione verso il personale sanitario, che va a sommarsi alle quelle continue che subiscono ormai da tempo anche gli operatori della Struttura Psichiatrica.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso, via libera del Parlamento alla missione navale Aspides: mandato strettamente difensivo

Fao, donne più penalizzate degli uomini dal cambiamento del clima

Libertà dei media: ecco la situazione in Europa