Tentativo estorsione a impresa,2 arresti

Tentativo estorsione a impresa,2 arresti
Ai domiciliari uomo che era con 19nne ucciso per errore nel 2012
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SERRA SAN BRUNO (VIBO VALENTIA), 4 MAR - Avrebbero tentato un'estorsione ai danni di un'impresa edile che stava eseguendo dei lavori a Soriano Calabro. Domenico Tassone, di 35 anni, e Salvatore Zannino, di 42, sono stati arrestati e posti ai domiciliari dai carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno. Gli arresti sono stati fatti in seguito ad un provvedimento emesso dal Gip di Vibo Valentia su richiesta della Procura. Le indagini sono partite nel febbraio 2019 quando un imprenditore edile ha denunciato un tentativo di chiedere di pizzo mentre stava eseguendo dei lavori di pulizia strade da due persone che a bordo di un'auto avevano affiancato un operaio chiedendo il pagamento di mille euro. I riscontri effettuati hanno portato all'individuazione di Tassone e Zannino come autori della richiesta. Domenico Tassone è la persona con la quale si trovava Filippo Ceravolo, giovane dichiarato vittima di mafia, ucciso per errore il 25 ottobre del 2012 in un agguato a Pizzoni, nel vibonese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: la Camera approva gli aiuti all'Ucraina per 61 miliardi di dollari

Gaza: Erdoğan incontra Ismail Haniyeh e il ministro degli Esteri egiziano a Istanbul

Migranti, i Paesi europei del Mediterraneo chiedono cooperazione e nuovi fondi