Rapina Napoli: solidarietà in ospedale

Rapina Napoli: solidarietà in ospedale
Cittadini manifestano dopo devastazione pronto soccorso
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 02 MAR - Striscioni di solidarietà per il personale del pronto soccorso dell'ospedale vecchio Pellegrini, a Napoli. Negli spazi del nosocomio, il cui pronto soccorso è stato distrutto nella notte di sabato dai parenti del sedicenne morto in seguito a un tentativo di rapina a un carabiniere, sono stati esposti striscioni di solidarietà. "Giù le mani. Il personale del pronto soccorso non si tocca", recita lo striscione sulle scale. E ancora, proprio nell'ingresso del pronto soccorso: "Più sicurezza meno parole" e "Basta la violenza al pronto soccorso". In mattinata il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, con un po' di cittadini, ha organizzato un flash mob a sostegno del personale dell'ospedale. I partecipanti al flash mob avevano cartelli con le scritte: "Chi devasta un ospedale devasta la salute di tutti i cittadini" e "Rispetto e solidarietà per gli operatori".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Grecia accoglie i turisti turchi: potranno visitare dieci isole greche con un visto rapido

Scuole sotterranee in Ucraina: a Kharkiv bunker per le lezioni

La madre di Navalny denuncia le autorità russe: "Datemi la salma di mio figlio"