Spp, in carcere si rinuncia a colloqui

Spp, in carcere si rinuncia a colloqui
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 26 FEB - "Ascoltateci e dimostrate un briciolo di buon senso altrimenti vi riterremo tutti responsabili di quanto potrà accedere per il coronavirus nelle carceri". È l'appello che il segretario generale del sindacato di Polizia penitenziaria S.PP. Aldo Di Giacomo, lancia ai Ministri della Salute Roberto Speranza e della Giustizia Alfonso Bonafede, ai Provveditorati Regionali dell'Amministrazione Penitenziaria ed ai prefetti di Torino, Milano, Padova, Bologna e Firenze e ai Presidenti delle Regioni coinvolte. "Sono i detenuti, già da qualche giorno, a dimostrare buonsenso - spiega Di Giacomo - chiedendo, sempre più numerosi, di rinunciare ai colloqui con i familiari che invece si continuano a tenere come se niente fosse accaduto fuori degli istituti penitenziari, gli stessi detenuti chiedono agli agenti di indossare le mascherine per evitare una eventuale trasmissione del virus dell'esterno".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le bande armate attaccano l'aeroporto di Haiti, quasi cinquemila detenuti liberi a Port-au-Prince

Guerra in Ucraina: Kiev affonda nave di Mosca, 44 attacchi russi a Sumy e due morti nel Donetsk

Le notizie del giorno | 05 marzo - Mattino