EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Champions: Ramos "per noi è speciale,basta inno a motivarci"

Champions: Ramos "per noi è speciale,basta inno a motivarci"
Capitano Real "Rinnovo, stiamo parlando troveremo un accordo"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - "La verità è che per noi la Champions è sempre speciale, l'inno è già una motivazione in più per tutti. Per me è un privilegio essere qui a giocarmela ancora". Così il capitano del Real Madrid alla vigilia del big match contro il Manchester City di Pep Guardiola domani sera al 'Bernabeu': "Ho molto rispetto per lui ed è un grande allenatore, i suoi numeri parlano da soli. Ciò che ci motiva è la Champions League, non un allenatore o un giocatore. Quando ascoltiamo quell'inno dimentichiamo tutto", spiega il n.4 blancos che accenna anche al rinnovo contrattuale: "Ne parliamo da alcune settimane, io e il club stiamo passando un bel momento e non abbiamo fretta. Arriveremo a una compromesso, sicuramente raggiungeremo un accordo. Ora dobbiamo concentrarci sulla Champions e sulla Liga, il resto è secondario. Ma adesso c'è la Champions, sarà un duello molto duro contro un avversario complicato, ma per quelli di noi che amano queste partite è un giorno speciale", conclude Ramos che guarda avanti e dimentica il brutto 2019: "La grandezza di questo club è di resettarsi ogni anno, non si accontenta mai di ciò che ha già raggiunto ma guarda sempre avanti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Maturità, le tracce della prima prova di Italiano: Ungaretti, Pirandello e la Nobel Montalcini

L'Europa tra caldo estremo e maltempo: le forti piogge colpiscono anche gli Euro 2024

Germania, Scholz: gestire meglio rimpatri, scuse a Varsavia per migranti afgani lasciati al confine